Gleison Bremer

CALCIOMEFCATO INTER BREMER – A pochi giorni dal probabile primo vertice tra Inter e Torino per Gleison Bremer, il difensore brasiliano ha parlato del suo futuro a Resenha Espn salutando di fatto il Torino. “Avevo già detto lo scorso anno all’allenatore e alla dirigenza che la mia intenzione era di andare via – ha spiegato Bremer -, ma il mister mi ha detto: “Rimani, aiuta la squadra e la prossima stagione farai il passo successivo”. I tifosi, tutti sanno che ho questa ambizione: voglio giocare in Champions League e nella Seleção. Sono questi i miei sogni. Devo raggiungere un livello molto più alto. E’ una questione di tempo. Sto valutando alcune proposte, ma posso già dire che non credo di rimanere a Torino nella prossima stagione”.

Come riferito dal Corriere dello Sport, a riguardo c’erano pochi dubbi perché il rinnovo del contratto che ha firmato con il Torino, in segno di riconoscenza per come lo ha fatto crescere e lo ha valorizzato, prevede a gennaio 2023 una clausola rescissoria inferiore a 15 milioni. E’ scontato, dunque, che Cairo lo venderà questa estate, per monetizzare al massimo la sua partenza.

Per il momento, forte dell’interessamento (oltre che dall’Inter) anche del Milan e del Tottenham, il patron granata chiede 40 milioni. Il giocatore, però, si è promesso da tempo al club Zhang e spera di essere accontentato. La chiave? L’Inter prima di tutto deve cedere uno dei suoi big e poi potrà andare da Cairo a negoziare il prezzo, la formula dell’operazione e magari inserire una contropartita tecnica. Pinamonti e Gagliardini rientrano in quest’ultima categoria anche se per l’attaccante in pole ci sono Monza e Salernitana, mentre Casadei l’Inter vorrebbe darlo solo in prestito, non cederlo a titolo definitivo.

Bremer vorrebbe iniziare la stagione, il 6 luglio, direttamente agli ordini di Inzaghi e spera che per quella data tutto sia a posto: per questo auspica che ci sia un faccia a faccia ad alto livello, diciamo tra Cairo, Zhang e Marotta, per “accorciare” i tempi della negoziazione. La cessione di Skriniar darà il via anche alla “caccia” a un altro centrale che possa sostituire lo slovacco sul centro-destra: Milenkovic è in pole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA