Cristiano Ronaldo

CALCIOMERCATO SPORTING LISBONA CRISTIANO RONALDO – Con la più spettacolare delle sue rovesciate, Cristiano Ronaldo prova a calciare indietro il tempo. Sta per tornare a casa, cioè allo Sporting Lisbona dove tutto cominciò quando CR7 era un bambino di 12 anni. Come riferisce La Repubblica, la prima parte del grande ritorno, ormai un avvitamento romantico e non sempre felice, si è svolta l’anno scorso, quando Ronaldo ha lasciato la Juventus per tornare al vecchio Manchester United. Ora il salto è ancora più profondo e quasi freudiano, le radici sono nell’infanzia, nei genitori, nella terra, anche se il campione incarna semmai un viaggio a Itaca: Cristiano tornando.

Ronaldo ha compiuto 37 anni a febbraio e non ha quasi più mercato, ma anche che lo Sporting giocherà in Champions, dove CR7 potrà tentare di aggiungere pesi e misure ai suoi incommensurabili primati. Non ci saranno problemi di formazione: a Lisbona lui è un dio e giocherà sempre, verso quel Mondiale che gli sta nel cuore. Lo United non lo vuole ma non lo regala, lo ha pagato 15 milioni alla Juve e non accetta minusvalenze.

Ora si tratta di convincere il Manchester United: il nuovo allenatore dei rossi, Erik ten Hag, non sa che farsene di un monumento così ingombrante. Il procuratore di Ronaldo, il celebre e potentissimo Jorge Mendes, ha provato in ogni modo a mantenere il suo fenomeno alla solita quota di volo, contattando club importanti che hanno risposto “no, grazie”: Psg, Chelsea, Bayern Monaco e Barcellona, con la coda urticante dell’Atletico Madrid che ha visto la rivolta dei tifosi e degli abbonati. Per questo CR7 è tornato in patria, ma senza le sirene: nessuna voce lo ha tentato se non quella del cuore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA