Thiago Motta

ULTIME NOTIZIE BOLOGNA LECCE THIAGO MOTTAThiago Motta, allenatore del Bologna, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida del Dall’Ara contro il Lecce. Queste le sue dichiarazioni:

Come si va in campo in una partita come quella di domani vista la recente sconfitta di Napoli?
“Si va in campo con responsabilità, consapevoli di quello che ci ha lasciato la vittoria contro il Cagliari. Siamo consapevoli di quello che dobbiamo fare”.

Si è fatto una tabella da qui alla sosta?
“Non faccio tabelle da qui alla sosta, penso giornata per giornata, poi i conti si fanno alla fine”.

Che cosa vuole rivedere domani in campo e cosa no?
“Voglio vedere l’intensità del secondo tempo e non voglio rivedere il ritmo del primo tempo contro il Cagliari. Dobbiamo giocare con intensità ed essere bravi a cambiare il ritmo sulla pressione a seconda dei momenti della gara”.

Come sta la squadra?
“Abbiamo due indisponibili che sono Schouten e Kasius. Jerdy non è riuscito a finire l’allenamento di oggi, quindi domani non sarà disponibile”.

A livello di energie mentali la squadra si è sollevata dopo la vittoria di Cagliari?
“Mentalmente i ragazzi stanno tutti bene, e di energie anche. Nel calcio le vittorie sicuramente danno morale e sicurezza, quindi la sfida con il Cagliari ci ha dato risposte”.

Vede paura di sbagliare in alcuni giocatori?
“Non vedo e non conosco la paura. Dico sempre ai ragazzi che non possiamo mettere da parte la tensione, ma dobbiamo giocare da professionisti e convivere con questa tensione nel modo positivo”.

Quanto è importante domani il lavoro degli esterni?
“E’ importante fare blocco e non lasciare soluzioni al Lecce. Dobbiamo fare particolare attenzione ai recuperi palla del Lecce perché sono una squadra che nelle ripartenze può farci male”.

Da quando è arrivato quanto la squadra sta facendo di quello che vuole lei?
“Non lo so perché io voglio sempre di più. Chiedo ai ragazzi di lavorare sempre meglio, crescere e non fermarsi mai”.

E’ da più di un mese che Arnautovic non fa gol. Come lo vede dal punto di vista fisico e che cosa vi dite in questi momenti?
“Marko è un giocatore importantissimo per questa squadra, tutti lo vogliamo aiutare perché torni a fare quello che sa fare. E’ un giocatore molto completo, che abbiamo la fortuna di avere. Insieme, con gli altri giocatori della squadra, siamo sicuramente più forti”.

Come preparate le partite?
“Vediamo i video, quindi cerchiamo di studiare al massimo l’avversario e trovare nelle nostre caratteristiche quelle da mettere in campo per mettere in difficoltà l’avversario. Delle squadra contro cui dobbiamo giocare guardiamo più partite, non solo l’ultima, perché dobbiamo interpretare e capire la loro filosofia”.

Senza Schouten, Moro per le caratteristiche che ha è pronto per giocare in quella posizione?
“Si, come lo è Soriano, Ferguson o Dominguez. Ho diverse possibilità”.

Cambiaso come lo vede?
“Molto bene, ci può dare tanto ed è in crescita come tutta la squadra?”.

Quella di domani la vede come una partita da non sbagliare?
“La vedo come una partita importante, che dobbiamo affrontare con la responsabilità giusta”.

Con Saputo vi siete sentiti?
“Saputo l’ho sentito e siamo tutti uniti per il Bologna”.

Che squadra è il Lecce?
“Penso che come squadra ci possano dare fastidio, perché hanno la consapevolezza di quello che possono e vogliono fare in campo. Sanno recuperare bene la palla e ripartire veloci per infastidire l’avversario. Gonzalez è un giocatore che in questo senso è importantissimo per il Lecce. Dovremo essere bravi a non lasciarli giocare come vogliono. Dipenderà molto da noi, dovremo essere bravi a velocizzare il gioco e verticalizzare”.

Per quanto riguarda i centrali, come sceglie?
“Io guardo di settimana in settimana, quelli che in coppia stanno meglio in ogni momento. Ho la fortuna di avere tante soluzioni anche in difesa”.

Come avete vissuto il post partita di giovedì, dopo aver conquistato la prima vittoria?
“Dopo la prima vittoria ho pensato subito alla sfida contro il Lecce. E’ importante per i ragazzi perché possono dormire sereni la notte successiva, ma io e lo staff tecnico ci proiettiamo immediatamente al match successivo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA