Vincenzo Italiano

ULTIME NOTIZIE FIORENTINA INTER ITALIANO – Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina, ha commentato a Sky Sport la sconfitta della viola per 4-3 contro l’Inter. Queste le sue dichiarazioni:

“Non so neanche che dire, nel senso che penso all’ennesimo dubbio su gol subito, c’è mezzo fallo a favore nostro. È l’ennesima partita, a dieci secondi dalla fine, e noi oggi perdiamo. Il dispiacere è enorme, l’abbiamo ribaltata e recuperata: era un premio per i ragazzi. Siamo dispiaciuti e rammaricati, perdiamo una partita che secondo me non meritavamo: andiamo avanti”.

Che idea si è fatto rivedendo le immagini del contrasto Milenkovic-Dzeko?
“No, quello è fallo. Nikola prende posizione, gli tira anche la maglia Dzeko e non l’avevo neanche visto. Non è il primo fallo dubbio che ci costa punti, che ci costa una partita, che ci costa una classifica non bella, però ne prendiamo atto e andiamo avanti”.

Le tre azioni pericolose del primo tempo sono nate da palle perse, è un problema che avete?
“Non è il primo gol che subiamo su palla nostra, dove con poca percezione del pericolo la consegniamo agli avversari. È un peccato, perché sono i due primi palloni della partita: ci mettiamo anche del nostro e su quelle situazioni dobbiamo essere più attenti. Gli altri sono bravi, ma certe occasioni sono regalate ed è un peccato”.

Terza bella prestazione, Inter dopo Napoli e Juventus. Che cosa vi impedisce di giocare così anche contro le piccole?

”Che in questo momento mettiamo a posto una situazione, come oggi che segnano tutti gli attaccanti, e invece perdiamo lucidità dietro, non riusciamo a essere equilibrati. Contro le grandi ci esaltiamo, contro le altre purtroppo caliamo di concentrazione. Abbiamo questo difetto che ogni volta che concediamo subiamo gol. Secondo me stiamo crescendo, venivamo da una vittoria in Conference e da un pareggio, anche se a Lecce avremmo dovuto ottenere di più”.

Con le due punte la Fiorentina riesce a creare di più, è nella sua testa un’idea del genere anche per il futuro?
“In effetti penso che in quel momento si diventa un po’ troppo pericolosi, nel senso che a ogni palla persa possiamo concedere qualcosa all’avversario. Oggi serviva un attaccante di più, è una cosa che proviamo in allenamento e abbiamo tante soluzioni. Penso che, quando troveremo equilibrio, tutte queste situazioni ci porteranno grosso vantaggio. Oggi mi dispiace per i ragazzi, li ho visti un po’ abbattuti però sanno che con questo spirito se ne può venire fuori”.

Può iniziare una nuova stagione per Jovic?
“Mah, io credo che non fare gol per gli attaccanti sia il male peggiore. Loro vivono per quello e l’aggravante è che ne abbiamo sbagliati tantissimo. Poi quando tutti e due segnano c’è l’esultanza: secondo me Luka è un ragazzo sensibile, è arrivato qui e voleva spaccare il mondo. È arrivato un po’ in difficoltà, adesso sta crescendo. Se tutti hanno questa voglia possiamo venirne fuori, mi auguro che questi gol portino nuova linfa”.

Quanto può aver inciso il fatto di giocare anche in Conference League?
“Affronti squadre che ti lasciano qualcosina, si perdono allenamenti e si fa fatica a recuperare. Ci stiamo adattando, stiamo cercando di trovare un equilibrio e ripeto: anche oggi ho visto qualcosa di diverso nello spirito dei ragazzi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA