Maurizio Sarri

ULTIME NOTIZIE ATALANTA LAZIO SARRI – Maurizio Sarri, allenatore della Lazio, ha commentato la vittoria dei biancocelesti al Gewiss Stadium contro l’Atalanta per 2-0. Queste le sue dichiarazioni a Dazn:

“Bisogna fare i complimenti all’Atalanta per il terreno di gioco, velocissimo e straordinario, che ci ha facilitato a giocare bel calcio. La squadra ha fatto una bella partita, se non sono stati pericolosi è molto per merito nostro. Siamo soddisfatti, temevamo l’Atalanta e sapevamo che sarebbe stata difficile”.

Quanta soddisfazione per la partita degli attaccanti?
“Sono giocatori con caratteristiche diverse da Immobile, volevamo dare pochi punti di riferimento. Serve questa determinazione, si vedeva anche nelle piccole cose che la squadra non voleva prendere gol: è un atteggiamento da squadra che vuole stare dentro la gara senza subire”.

Non ha mai dato indicazioni durante la partita?
“Avevo paura di Orsato accanto a me (ride ndr). Quando la squadra fa quel sa senza che io debba parlare, allora ha imparato. Ora ci viene tutto più facile rispetto all’anno scorso”.

Sui singoli, Romagnoli?
“E’ più abituato a giocare in una linea come la nostra, rispetto al gioco fatto negli anni scorsi. E’ un giocatore di livello tecnico e umano, di grande personalità e sta diventando un grande punto di riferimento per tutti”.

E invece Vecino?
“Può giocare anche davanti la difesa, un buon livello di fisicità. Luis Alberto era un po’ acciaccato, ho preferito risparmiarlo e dare fiducia a Vecino”.

Ora vi giocate la qualificazione in Europa League?
“Il girone è strano, superficialmente ce lo aspettavamo più semplice. Invece anche gli svedesi e gli austriaci sono di livello, ora ce la dobbiamo giocare giovedì e poi andare a fare punti anche in Olanda”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA