Ivan Gazidis

ULTIME NOTIZIE MILAN GAZIDIS – L’Amministratore Delegato del Milan Ivan Gazidis, dopo le parole a margine dell’Assemblea degli azionisti, ha rilasciato anche un’intervista a ESPN. Queste le sue dichiarazioni:

Il suo arrivo al Milan?
“Non era un opzione comoda o a bassa pressione. Allo stesso tempo credevo nella possibilità. Il Milan è una delle grandi squadre di calcio del mondo e ho pensato che si potesse portare qualcosa di nuovo nel calcio italiano. La mia risposta iniziale è stata che potevano esserci candidati che conoscevano già l’Italia, ma Elliott non ha cambiato idea. E alla fine abbiamo deciso di affrontarla insieme”.

Come ha trovato la società al suo arrivo?
“C’erano molti contratti pesanti, quasi troppi da nominare, giocatori che costavano parecchio come Bonucci per esempio. Avevano rinnovato Gianluigi Donnarumma, un ottimo portiere, ma con un contratto enorme per trattenerlo. Alcuni contratti erano troppo alti rispetto alle prestazioni in campo di questi giocatori. Probabilmente c’erano 10 diversi esempi di giocatori che rientravano in quella categoria. E i giocatori, quando sono pagati in eccesso rispetto alle loro prestazioni, sono davvero difficili da cedere. Ma quando riesci a far uscire quei giocatori, poi hai bisogno di qualcuno che giochi. L’unico modo per portarne di nuovi innesti è ovviamente spendere soldi e quindi l’obiettivo è spendere in modo efficace ed efficiente”.

Il nuovo progetto basato sui giovani?
“Abbiamo affrontato molto scetticismo sulla politica dei giovani, soprattutto al Milan. Penso che l’Italia in generale sia scettica sul dare una possibilità ai giovani, al Milan ancora di più a causa della pressione del pubblico e dell’ambiente di San Siro che ha la reputazione di schiacciare i giovani”.

L’importanza del mercato svolto nel 2019?
“I giocatori che abbiamo ingaggiato quell’estate sono ancora oggi elementi fondamentali della squadra”.

Il comparto scouting del Milan?
“Molto spesso vedo nelle squadre di calcio che lo scouting e l’analisi sono in contrasto e questo crea un problema all’interno del club. Siamo riusciti a metterli in fila molto bene insieme. L’analisi sono i fatti. Dire che non credi nell’analisi è come dire che non credi nei fatti. Ci sono spiegazioni dietro i fatti che devi guardare. I fatti non ti danno le risposte, ma possono porre domande molto rilevanti”.

Il lavoro portato avanti da Paolo Maldini?
“Nelle trattative Maldini è fondamentale, parla con i giocatori per capire come pensano e cosa li motiva. Lo chiamiamo il nostro punto di riferimento. Parla con l’agente come primo contatto, in seguito direttamente con il giocatore, insieme a Massara. Theo è un buon esempio. Era del Real Madrid, ma era stato in prestito ed erano disposti a lasciarlo andare. Paolo lo ha incontrato a Ibiza dove era in vacanza in estate. Si sono seduti e hanno avuto una lunga conversazione in cui hanno formato un legame che esiste ancora oggi. Paolo ha capito davvero che Theo aveva una crescita da calciatore, ma anche da giovane, e Paolo lo ha preso sotto la sua ala. Lo si vede ancora oggi. Paolo va al campo praticamente ogni giorno. Non è invadente nel territorio dell’allenatore ma ha sempre una parola per ogni giocatore. Stamattina Paolo e Theo si sono salutati e c’è stato un grande abbraccio. Theo guarda a Paolo quasi come un secondo padre. Paolo ha quel rapporto con diversi giocatori”.

L’esclusione dalle coppe europee?
“Quello probabilmente è stato il punto più basso. Prendere una squalifica per un club la cui reputazione è costruita sulla Champions League è stato un cosa molto difficile da accettare. Ma il Milan non era mai stato pensato come un business prima. I club sono istituzioni sociali e culturali ma se non hai un solido business plan alle spalle le ruote possono staccarsi dal carro”.

Il periodo prima del Covid ed il lavoro di Pioli?
“Forse eravamo al punto più basso quando il Covid ha colpito. Dentro il club cominciavamo a vedere la luce in fondo al tunnel. Ma fuori dal club la squadra aveva una guida tecnica (Giampaolo, ndr) che non stava funzionando e quindi dovevamo fare una cambio. C’era molta pressione su di noi tra gennaio e febbraio e poi è avvenuto il blocco. Stavamo iniziando a vedere dei germogli verdi, credevamo di fare le cose giuste. Ma in realtà, qualcosa è cresciuto all’interno del gruppo durante quel periodo di lockdown, anche se non stavano fisicamente insieme, in qualche modo si sono semplicemente legati e Stefano li ha conosciuti davvero bene. Un po’ come Paolo Maldini, anche Pioli vuole capire i giocatori come persone e ci tiene a loro. Questo li rende pronti a fare di tutto per lui. Durante il lockdown non c’era la pressione di giocare ogni tre giorni e quindi durante la pausa sono stati in grado di connettersi tra loro e le relazioni formate durante quel periodo sono andate avanti e si sono sviluppate. Siamo usciti dal lockdown e le prestazioni sono cresciute sempre di più”.

Gli arrivi di Ibrahimovic e Kjaer?
“Entrambi hanno contribuito molto alla rinascita del Milan. Sono arrivati e hanno fornito le loro spalle larghe ai giovani. Ibra non accetta mai meno del 110% da nessuno in nessun momento. Ibra è estremamente esigente con tutti. In realtà avevamo cercato di riportarlo al Milan un anno prima, ma Ibra sentiva che non era ancora il momento giusto. Stava giocando con i LA Galaxy e voleva fare un altro anno lì. Zlatan è una personalità molto potente. Se entrava nell’ambiente sbagliato, ciò poteva portare ad attriti. Penso che il nostro ambiente fosse la sfida perfetta per lui, una delle più grandi della sua carriera. Riuscirà a portare questo gruppo allo scudetto? Ci è riuscito per davvero”.

La crescita di Rafa Leao?
“Leao non ha avuto vita facile qui all’inizio. Non giocava e quando lo faceva le sue prestazioni erano fatte di alti e bassi, ha avuto bisogno di un po’ di tempo. Ha avuto quel tempo e supporto. Non abbiamo cambiato il nostro piano”.

La scelta di portare avanti gli investimenti?
“Per la parte finanziaria dovevamo avere il via libera da scouting, analisti, Maldini e me. Le finanze dovevano mettersi in ordine e le spese hanno richiesto a Elliott di investire più soldi nel club sul breve termine e di avere fiducia in questo gruppo di persone”.

La strategia alla base della crescita del Milan?
“Ci sono quattro pilastri della nostra strategia. Il primo era correggere le prestazioni sul campo. Il secondo era migliorare le capacità dell’organizzazione e ottenere la giusta gestione. Il terzo era portare i ricavi commerciali a un nuovo livello apportando buoni risultati processi e il quarto è lo stadio”.

A che punto siamo col nuovo stadio?
“Abbiamo un grande progetto finanziato privatamente su cui ho dedicato molto tempo durante il mio primo anno, che però si è impantanato nella politica e nella burocrazia italiana. Ma ora vediamo la luce alla fine del tunnel. Abbiamo già l’approvazione per lo stadio, ci sono un paio di passaggi che stanno attraversando con un dibattito pubblico. Sono molto ottimista sul fatto che il progetto dello stadio prenderà il via l’anno prossimo con tutte le approvazioni”.

I valori che oggi caratterizzano questo Milan?
“Il club non deve essere inventato. L’orgoglio viene dalle prestazioni sul campo, ma anche dai valori. Abbiamo passato molto tempo ad assicurarci di essere guidati da uno scopo e da autentici valori. Abbiamo lavorato molto contro il razzismo. Stiamo investendo nella nostra squadra femminile. Sarebbe stato un taglio facile da fare e invece abbiamo raddoppiato”.

Il processo di crescita del club?
“Il Milan è uno dei giganti del gioco. Ha solo bisogno di essere riportato alla vita. Penso che lo stiamo facendo, ma siamo solo alla fine dell’inizio. La prossima fase di crescita sarà davvero importante”.

La riorganizzazione del club rossonero?
“Credo davvero che la prima responsabilità di un amministratore delegato sia cercare di renderti sostituibile. Questa è un’organizzazione davvero solida con un’ottima gestione a livello senior. Tutti i manager che sono stati inseriti nel club sono persone di prima classe. So che ci sarà sempre un focus sulle persone. Se il club è in una posizione migliore ora rispetto a quattro anni fa, è interamente merito degli sforzi di molte persone: la dirigenza, lo staff, i giocatori e lo staff tecnico. Questo non cambia. La nuova proprietà è coinvolta perché le piace la direzione del club. Vuole spingersi oltre”.

Quali sono oggi i principali problemi del calcio?
“L’enorme spesa che stiamo vedendo nel calcio sta creando molta tensione nel sistema. Sta rendendo il calcio meno competitivo, anche se è il miglior calcio che abbiamo mai visto. È uno spettacolo meraviglioso ma ci sono sempre meno squadre che sono in grado di competere finanziariamente a quel livello. Ovviamente la crescita della Premier League è l’epicentro. Gli investimenti del PSG hanno introdotto un altro elemento e al di fuori della Premier League ci saranno sempre Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco. Il calcio italiano invece è rimasto indietro. L’unico club nell’ultimo decennio che è stato in grado di essere competitivo perché ha investito in un nuovo stadio e ha fatto le cose bene è la Juventus. Ma se il calcio diventa solo una questione di soldi lo trovo scoraggiante. Deve esserci spazio anche per le idee e non solo per i soldi. Deve esserci un posto anche per i sogni e per nuove storie. Stiamo lottando per trovarlo. La Super League è stata creata male, ma è un’espressione di questa tensione tra club. La Premier League è la Super League e il resto d’Europa sta cercando di trovare un modo per avere un futuro vivace. Sono 15 anni che sostengo di colmare il divario tra i ricavi di Champions League ed Europa League. Dovrebbe essere ridotto. Ciò che va di pari passo con questo è un efficace controllo dei costi. Il FFP è il primo tentativo. È stato in qualche modo efficace, in realtà, per la maggior parte del calcio. Ma non ha controllato alcune spese estreme”.

L’importanza di avere gli stadi?
“Questo Paese è un gigante addormentato. Le squadre di calcio qui sono enormi per via della storia, della cultura che rappresentano. Il calcio italiano ha attraversato un periodo difficile, ma sono assolutamente convinto che tra 10 anni sarà fiorente, si giocherà in stadi moderni con alcuni dei più grandi nomi di club, il miglior stile di gioco, i tifosi più appassionati del mondo. Quello che faremo (il nuovo stadio, ndr) avrà un impatto non solo sul Milan come club, non solo su Milano come città, ma sull’Italia come Paese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA