Adriano Galliani

ULTIME NOTIZIE MILAN MONZA GALLIANI – Adriano Galliani, ad del Monza, ha rilasciato un’intervista a Dazn parlando della sfida del cuore con il ‘suo’ Milan, che andrà in scena a San Siro. Queste le sue dichiarazioni:

Sul legame col Monza.
“Mi passa davanti tutta la mia vita da ragazzino di Monza, che aveva capito che non poteva giocare a calcio perché ero scarso, ma che voleva stare in questo mondo. Non avendo previsto di fare l’arbitro, quando mi veniva chiesto che cosa avrei voluto fare da grande rispondevo: ‘Il presidente del Monza’. Mai avrei pensato di poter andare al Milan, perché il Monza è precedente all’incontro con Silvio Berlusconi. Vedo la mia vita incredibile che ho vissuto”.

Il sogno del Monza in Serie A.
“Dopo il periodo del Milan, qualche presidente di Serie C mi diceva: ‘Come fai a venire in questi stadi dopo che hai passato la vita al Camp Nou o al Santiago Bernabeu?’. Il Monza è la squadra del mio cuore e della mia città, la squadra che tifo da quando avevo cinque anni. Questo è il sogno della mia vita: che sia in Serie D, C, B o A non toglie nulla alla mia passione. La vittoria della Serie C mi ha dato la stessa gioia della vittoria della Serie B. La Serie A, certo, è qualcosa di incredibile, ma la mia passione prescinde dal campionato di appartenenza. Quando vedo che Milan, Monza, Napoli – in ordine alfabetico – sono nella stessa lista delle squadre del campionato, ancora non ci credo. È il sogno di tutta una vita che si è realizzato”.

Le strategie di mercato.
“Con il tempo ho capito che se vuoi vendere, allora devi vendere a inizio mercato; se vuoi comprare, devi comprare nelle ultime ore di mercato. Questo perché, una cosa comune che hanno tutte le società d’Europa, è avere più giocatori di quanti ne abbiano effettivamente bisogno. Tutti abbiamo, chi più chi meno, giocatori in esubero. Un’ora prima della chiusura riesci quindi a portare a casa giocatori che non saresti mai riuscito ad avere prima – da questa intuizione nascono i famosi ‘giorni del condor'”

Sul debole per Van Basten.
“Il Milan ha avuto otto Palloni d’Oro, ma resta nel mio cuore in maniera indelebile Marco Van Basten. Ha vinto solo tre palloni d’oro perché ha smesso a 28 anni di giocare per un problema alla caviglia ed io penso che se avesse continuato ne avrebbe vinti lo stesso numero di Messi o Cristiano Ronaldo. È l’unico giocatore per cui, quando lo vedo, mi inginocchio ancora. Lui ride, ma io gli dico che per me è come la Madonna! Per me è il giocatore più forte tra tutti i giocatori che sono passati al Milan e al Monza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA