Josè Mourinho

AS ROMA NEWS BETIS MOURINHO EUROPA LEAGUE – Josè Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro il Betis. Queste le sue dichiarazioni:

Quest’anno tanti infortuni tra traumatici e muscolari. La preparazione anomala può aver influito? Chi è in vantaggio tra Belotti e El Shaarawy?
“La domanda è buona, è una cosa di cui se ne parla da molto. Ora è il momento di viverla questa situazione Già 4-5 anni si fa si parlava di questo mondiali, ora è allo porte e viviamo questa situazione. Ho imparato a piangere meno rispetto a prima e vivere la realtà .Dire che si gioca troppo, che i giocatori di oggi hanno una vita e una carriera completamente diversa. Dire che i club più ricchi sono privilegiati perché hanno una rosa più lunga. Secondo me ci sono i ricchi, i poveri e i meno ricchi. I poveri giocano una partita a settimana, i ricchi con le loro rose possono giocare anche una volta al giorno. I meno ricchi sono quelli più in difficoltà, perché giocano le stesse partite dei ricchi ma con meno giocatori. Belotti o El Shaarawy? Tutto aperto”.

Cosa è successo ad Abraham?
“È un problema di squadra, non mi piace fare certe analisi. Voi le potete fare, ci sono altri giocatori di alto livello in altre squadre che vivono momenti simili. Sono momenti. Per voi tutto è statistica, per noi la verità è che abbiamo bisogno di gol per vincere le partite. Per occasioni create siamo i primi in Serie A, ma sono momenti così. Un giorno magari faremo 4 palle gol e 4 gol. L’importante è che vediamo le cose da squadra, per noi non è una questione di giocatori, analizziamo tutto come squadra. Per quello che produciamo segniamo poco, dobbiamo avere più efficacia”.

In questi giorni ha visto segnali diversi dalla squadra?
“Un allenatore che parla 10 min dopo la fine della partita non è facile, a volte si dicono cose che poi andrebbero spiegate. Si vince grazie ad un piano di gioco, poi bisogna vedere come i calciatori lo mettono in pratica. Dopo la partita con il Lecce, e aver rivisto la partita, ho cambiato un po’ la prospettiva. Dobbiamo avere più disciplina di gioco, quando 2-3 calciatori perdono questa disciplina, ciò influisce su tutta la squadra. Dobbiamo migliorare, le grandi partite che abbiamo fatto in questo anno e mezzo sono state di grande concentrazione e organizzazione. Sono poche le partite che abbiamo vinto solo grazie ad individualità”.

Come ha visto Benzema?
“Scusa, non rispondo”.

MOURINHO A SKY SPORT

All’andata la Roma ha avuto più opportunità, il Betis più qualità. Come si può cambiare questo risultato?
“Qualità nel senso che hanno girato bene la palla, hanno fatto un buon possesso palla e sono stati capaci a nasconderla all’avversario. Però hanno fatto 3 tiri: un palo, un bel gol e l’ultimo gol che non è neanche un tiro. Noi abbiamo creato ma le partite non si vincono con le palle gol, ma con i gol. Ed è per questo che ora siamo in questa situazione con 3 punti in classifica in altrettante partite. Dobbiamo fare molto bene nelle ultime gare”.

Ha parlato di migliorare la disciplina di gioco, ci spiega cosa intende?
“Se definisci zone e momenti di pressione e ci sono un paio di giocatori che non lo fanno, è difficile. Idem sotto il punto di vista del possesso palla. Le grandi partite che abbiamo fatto è perché tutti hanno rispettato il piano di gioco”.

Parla sempre di gioco collettivo ma domani mancano Dybala e Zaniolo, si aspetta qualcosa in più dagli altri attaccanti?
“Mi aspetto di più da tutta la squadra, non mi piace parlare delle individualità. Dall’inizio della stagione abbiamo problemi con degli infortuni, anche prima dell’infortunio di Paulo. I giocatori più offensivi non hanno mai giocato praticamente tutti insieme, ora con l’infortunio di Dybala è ancora più difficile. Ma mi fido di tutti gli altri ragazzi e sono fiducioso che domani possiamo fare risultato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA