Arrigo Sacchi

ULTIME NOTIZIE NAPOLI SACCHI – Arrigo Sacchi, ex allenatore del Milan e della Nazionale italiana, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport parlando del Napoli di Spalletti. Queste le sue dichiarazioni:

“In un calcio italiano, che fa del tatticismo e della furbizia le armi principali, ricercare lo spettacolo come il Napoli è un punto di merito. Poche squadre in Europa stanno in campo e si muovono come quella di Spalletti. Davvero bravi: giocatori, e allenatore”.

Ci spieghi come si sviluppa la manovra offensiva.
“Si deve partire da un concetto: la distanza tra attacco e difesa non deve mai essere superiore ai 20-25 metri. In questo modo c’è collaborazione, c’è comunicazione e si arriva più in fretta all’interiorizzazione del gioco. Il Napoli attacca in undici e difende in undici: non è poco”.

Palla al regista, cioè a Lobotka, e…
“Le azioni si sviluppano quasi sempre in verticale, raramente ci sono tocchi laterali se non per trovare il varco giusto. In sostanza, un attaccante viene incontro al portatore di palla e un altro si butta nello spazio per ricevere il passaggio in profondità. Non sono movimenti difficili, ma prevedono una perfetta sincronia e lungo lavoro in allenamento”.

In soldoni, Raspadori arretra, Politano e Kvara sgommano e Lobotka sceglie chi servire?
“Proprio così. I difensori avversari sono sempre preoccupati da questi rapidi movimenti perché sanno di poter essere attaccati alle spalle. Se invece si pratica un possesso-palla orizzontale le retroguardie fanno in tempo a sistemarsi e a chiudere tutti i buchi”.

E quando al posto di Raspadori c’è Osimhen?
“Non cambia nulla. Lo spazio lo attacca Osimhen, mentre uno dei due esterni d’attacco, che sia Kvara, Politano o Lozano, accorcia e va incontro al centrocampista in possesso di palla. Nel calcio moderno ricevere il pallone da fermo significa consegnarsi all’avversario: il Napoli non corre questo rischio. È una squadra “movimentista”, nessuno è mai bloccato sulla propria posizione”.

Anche alla Roma Spalletti aveva provato questi attacchi verticali, con Totti che arretrava e Taddei e Mancini che si fiondavano negli spazi.
“Sì, ma la Roma non era così coordinata come questo Napoli. I reparti erano molto distanti, non c’era comunicazione. Qui, invece, Spalletti sta facendo qualcosa di veramente notevole. Di moderno, direi. Anzi: qualcosa di europeo. A tratti, per il modo di attaccare, ricorda il Liverpool di Klopp, quando i Reds avevano più voglia di correre e di smarcarsi di quella che hanno adesso… La cosa è resa possibile a Spalletti perché ha giocatori intelligenti, disponibili, che mettono entusiasmo e volontà nel lavoro”.

Un difetto?
“C’è il rischio che tutti si sentano già arrivati. Ora sono un collettivo e giocano da collettivo. Se cambiassero, non sarebbero tanto belli”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA