Simone Inzaghi

ULTIME NOTIZIE SERIE A INTER SALERNITANA – L’ora della rimonta in sei tappe — la prima oggi – contro la Salernitana. Simone Inzaghi deve riuscire a traslare l’Inter di Barcellona in campionato. Non è un caso che il tecnico, presentando la partita di oggi con la Salernitana, abbia voluto sottolineare: “La differenza la farà la determinazione, spero che i miei giocatori ne abbiano di più”.

Come sottolinea La Gazzetta dello Sport, la domanda che tutto il mondo Inter si è posta nelle ultime ore – dopo la giusta esaltazione per la prova di Barcellona – è la seguente: come è possibile non riuscire a mantenere questo standard di rendimento? Meglio ancora: se il nostro livello è così alto, perché i punti di distacco dalla vetta sono otto?

La missione rimonta è applicabile in sei tappe: tante sono le giornate fino alla pausa Mondiale. L’obiettivo che si sono posti i nerazzurri è quello di rosicchiare punti al Napoli prima del 13 novembre. Quanti? Almeno tre, chiudere a -5 sarebbe giudicato un recupero promettente in vista della ripresa di gennaio. E l’Inter sa come si fa. Un anno fa il distacco dalla vetta, dopo nove giornate, era di sette punti: situazione simile. L’Inter perse all’ottavo turno contro la Lazio, quest’anno è accaduto con la Roma.

Poi Inzaghi accelerò. Dal 10° al 15° turno (giornata che prendiamo a riferimento perché sarà appunto quella in cui si fermerà il campionato) mise in fila un pareggio e cinque vittorie. Urge una replica. Un segnale che non lascerebbe isolata la doppia impresa con il Barcellona. L’Inter di campionato fin qui non ha mai avuto continuità: solo all’inizio del torneo, tra Lecce e Spezia, ha sommato una vittoria con un’altra.

Magari è anche per questo che Inzaghi sembra orientato a non stravolgere la squadra che ha pareggiato al Camp Nou. L’unica variazione dovrebbe essere l’inserimento di Acerbi nel terzetto difensivo: non da centrale, in verità, ma da “braccetto” di sinistra al posto di Bastoni. In attacco sarà ancora tempo di Dzeko-Lautaro, con Correa in panchina. È l’ultima partita senza Lukaku: da sabato a Firenze il belga sarà tra i convocati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA