Steven Zhang

ULTIME NOTIZIE CESSIONE INTERInter in multiproprietà. È questo il piano a cui stanno lavorando sia Goldman Sachs sia Raine Group, ovvero le due banche d’affari che stanno esplorando il mercato a caccia di acquirenti per il club nerazzurro. L’idea – come riferisce il Corriere dello Sport – è quella di costituire un consorzio di investitori (o cordata che dir si voglia) che si prenda carico dell’investimento necessario per rilevare la società di viale Liberazione. Sostanzialmente, è quanto è appena accaduto con il Chelsea. E, guarda caso, l’advisor per la cessione è stata proprio Raine.

La valutazione indicata da Steven Zhang per cedere l’Inter, vale a dire 1,2 miliardi, finora è sempre stata ritenuta troppo elevata. Anche perché quella nerazzurra è una società che brucia cassa per 10 milioni al mese e che è pesantemente indebitata (a gennaio è stato emesso un bond di 415 milioni in scadenza nel 2027). Ecco perché si è rivelato complicato individuare un unico interlocutore che si prenda carico da solo dell’investimento, anche perché la valutazione di 1,2 miliari è legata al fatto che Suning vuole comunque incassare qualcosa, dovendo, in aggiunta, liquidare LionRock che detiene il 31% dell’Inter e restituire i 275 milioni ottenuti da OakTree attraverso un prestito in scadenza nel maggio 2024.

Ma se il “rischio” dovesse essere suddiviso tra più investitori, allora le pretese del gruppo di Nanchino potrebbero essere soddisfatte. Tanto più che in questo momento il mercato è molto “liquido”, insomma c’è disponibilità ad investire. Sintetizzando, l’obiettivo è quello di rendere l’Inter un asset di interesse, nella prospettiva di riequilibrare la gestione economico-finanziaria del club e, ovviamente, con il nuovo stadio, come potenziale attrattiva.

Pur moltiplicandosi le voci, la cessione dell’Inter non appare così prossima. C’è però un orizzonte temporale oltre cui non si potrà andare, ovvero la scadenza del prestito di OakTree, che, alla luce della situazione, è complicato ritenere possa essere ripagato da Suning. Peraltro, OakTree non ha interesse a rilevare le quote in pegno dell’Inter e mettersi a gestire una società di calcio. Al contrario, vedrebbe assolutamente di buon occhio una cessione in tempi anche rapidi. Ecco perché Goldman Sachs e Raine hanno intensificato ricerche e sondaggi. Il fronte statunitense appare sempre quello più caldo, non altrettanto quello degli Emirati. Mentre ieri Mediaset ha fatto il nome dell’imprenditore svizzero Ernesto Bertarelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA