Lautaro Martinez

ULTIME NOTIZIE INTER LAUTARO MARTINEZ – Un Toro a casa del Re Leone. Quando Lautaro nasceva, anno 1997, il suo connazionale Gabriel Omar Batistuta esultava con la mitraglia dopo un gol. Quel Lautaro che oggi veste la maglia dell’Inter proprio perché Batistuta disse sì, un giorno di quasi cinque anni fa. L’ha svelato lo stesso Batigol un mese fa: “I dirigenti nerazzurri mi chiesero un parere prima di procedere all’acquisto, io dissi che il giocatore valeva”. Era la fine del 2017. Oggi, Lautaro, è l’inizio. L’inizio di una rimonta che l’Inter s’è messa in testa di completare nel minor tempo possibile.

Serve un filotto. Un filotto dell’Inter e uno di Lautaro. Come riferisce La Gazzetta dello Sport, il Toro viene da due gol consecutivi, dopo un’astinenza durata poco meno di due mesi. Ora l’argentino è dentro un allungo che si può definire potenzialmente decisivo. Sembra di rivedere quanto accaduto la scorsa stagione, quando Lautaro – limitandosi al solo campionato – segnò 5 gol in 6 gare tra la 2a e la 7a giornata, poi 5 in altrettante partite tra la 13a e la 18a, infine altri 5 in 6 match tra la 33a e la 37a.

Inzaghi dovrebbe confermare lo stesso pacchetto difensivo visto con la Salernitana, con Acerbi “braccetto” di sinistra vicino a De Vrij e Skriniar. Confermato in toto il cuore del centrocampo, la novità potrebbe arrivare dall’attacco: il ballottaggio è aperto, ma Correa è favorito su Dzeko per un posto vicino a Lautaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA