Romelu Lukaku

ULTIME NOTIZIE INTER VIKTORIA PLZEN LUKAKU – Alle ore 20.28 di un mercoledì di fine ottobre è iniziata per davvero la nuova vita di Romelu Lukaku, la sua seconda col nerazzurro sulla pelle. Ed è iniziata anche una stagione diversa per l’Inter, che ha voluto sopra ogni cosa il suo gigante. Come riferisce La Gazzetta dello Sport, dopo l’infortunio patito all’alba del campionato, il club l’ha coccolato, curato e atteso senza fretta. E ora se lo gode mentre ballonzola sotto la curva dopo aver segnato il 4-0 al Plzen.

Ci ha messo 4’ per fare quello che gli mancava da 521 interminabili giorni, segnare davanti al suo popolo riunito a San Siro. L’ultima rete in questo stadio risaliva al 23 maggio 2021, giornata eroica eppure un filo malinconica: dopo aver timbrato contro l’Udinese nell’ultima partita della cavalcata scudetto, stava lassù, sulla Torre di San Siro, e come un sovrano medievale benediva dall’alto i tifosi, lontani causa Covid. Non immaginava ancora che sarebbe volato presto a Londra.

Prima di entrare all’83’, Lukaku si riscaldava mandando baci al figlio Romeo, a bordo campo assieme alla mamma Adolphine. Poi, appena Farris lo ha chiamato a sé, ha fatto alla panchina il segno del 4, come dire “entro e faccio il quarto”: anche stavolta è stato di parola. Quel gol-lampo a Lecce, alla prima di campionato, era stato un iniziale ritorno alla normalità italiana, ripetersi in un San Siro tutto esaurito è un completo ritorno alla felicità.

Il belga ieri ha preso il posto di Lautaro, l’uomo con cui dividerà il campo adesso che la Lu-La verrà ricomposta, e poi ha sfruttato un passaggio di Correa. A fine partita è, invece, andato ad abbracciare la famiglia e i manager di Roc Nation, le persone che gli sono state vicine negli ultimi momenti complicati: mai era stato così tanto tempo fermo in carriera. Senza di lui l’affidabilità offensiva l’ha garantita il fratellino argentino e pure Dzeko, l’altro centravantone, sontuoso ieri ben oltre i due gol segnati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA