Philippe Mexes

ULTIME NOTIZIE ROMA NAPOLI MEXES SPALLETTI – Philippe Mexes, ex difensore di Roma e Milan, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport parlando del Napoli e della sfida contro i giallorossi. Queste le sue dichiarazioni:

Mexes, che ricordi le sono rimasti di Luciano Spalletti?
“Bellissimi, come del resto per tutti i sette anni del periodo romano. Spalletti mi ha dato tanto, mi ha fatto crescere, penso che senza di lui non avrei mai fatto la carriera che poi sono riuscito a fare, non sarei mai riuscito a fare un certo tipo di percorso come poi invece ho fatto. Lui mi ha fatto migliorare come calciatore, sotto ogni punto di vista”.

Sul campo è così bravo come dicono un po’ tutti?
“È uno degli allenatori più forti che ho avuto in carriera, se non il migliore in assoluto. Ma vado oltre, secondo me è anche tra i più bravi che ci sono in giro. Ha una cura maniacale di tutto, gestisce ogni minimo dettaglio. Sul campo è preparatissimo, ti spiega qualsiasi cosa di cui abbia bisogno un calciatore. E ovviamente, oltre a spiegartela, te la insegna anche”.

In che cosa il tecnico del Napoli riesce a fare la differenza all’interno di una squadra?
“È bravo tatticamente e questo penso si veda abbastanza. Ma non è solo questo. Luciano riesce anche a infonderti grinta, ti tira fuori la personalità, è uno che ha carattere. E ai giocatori riesce a far dare sempre il meglio di se stessi”.

E in effetti quella Roma andò anche oltre le sue aspettative. Giusto?
“Direi proprio di sì. Con una squadra piccola, per così dire, Spalletti è riuscito a mettere paura alle grandi d’Europa. In quella squadra di campioni veri c’erano solo Totti e De Rossi, poi tanti giocatori buoni o medi come me ad esempio, ma nessun’altra stella di livello. Loro erano i nostri fuoriclasse e intorno Luciano ci costruì il gruppo. Perrotta correva ovunque, gli altri sono migliorati e hanno reso tanto. Mi viene in mente Pizarro, altro buonissimo calciatore. Ma in campo ci sapevamo stare, giocavamo bene. E in questo modo siamo riusciti a sopperire alle differenze di qualità con le altre squadre: l’Inter – ad esempio – rispetto a noi aveva due squadre. E le altre big europee anche, basta andare a vedere le rose di quegli anni”.

E oggi il Napoli rispecchia lo spirito del suo allenatore, in campo e fuori?
“Vedo che la squadra sta andando bene, è in vetta alla classifica e questo vuol dire qualcosa. Ma sono sincero, quest’anno ancora non l’ho visto giocare”.

Ma c’è Spalletti, che per il bel gioco è una garanzia…
“Questo sicuro, con Luciano ci si diverte. E arrivano i risultati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA