Charles De Ketelaere

ULTIME NOTIZIE MILAN DE KETELAERE – Ieri Charles De Ketelaere non è andato a salutare i tifosi sotto la curva del Milan: c’erano tutti, dall’infortunato Brahim al terzo portiere Jungdal, tutti tranne il biondo col 90 sulle spalle, risucchiato dal mondo alla rovescia nel quale sembra essere finito ultimamente.

Come riferisce La Gazzetta dello Sport il pomeriggio con il Monza, scandito dai gol e dalle giocate dei ragazzi di talento schierati da Pioli, si è chiuso con quell’errore goffo a pochi passi da Di Gregorio, e Charles al fischio finale ha preferito filare dritto negli spogliatoi che raccogliere gli applausi dei tifosi. Testa bassa, morale probabilmente anche di più: segnali come questo, adesso, preoccupano persino più dei gol sbagliati.

Anche perché l’amarezza del momento andrà dribblata nello stretto: Zagabria è dietro l’angolo, il recupero di Diaz è in salita e le chiavi del Milan passeranno nuovamente nelle mani di De Ketelaere. Pioli, uno che di semine e raccolti se ne intende, ieri ha usato un termine di paragone ingombrante solo all’apparenza: se al Diaz di oggi riesce tutto quello che a questo De Ketelaere non riesce, è perché lo spagnolo conosce il Diavolo meglio del compagno.

“Dimentichiamo che Brahim è al terzo anno con noi, mentre Charles è qui da qualche mese. Charles ha la qualità per incidere nella nostra fase offensiva. Deve fare di più, lo sa anche lui. È un percorso che necessita di tempo, ma conta la volontà del ragazzo”, ha detto il tecnico a Dazn.

Più tardi, in conferenza stampa, è tornato sugli stessi concetti: il parallelo “incoraggiante” con Brahim e la pazienza che serve in momenti come questo: “Dobbiamo rispettare i tempi di crescita e inserimento”, scandisce con enfasi quasi religiosa. Del resto, da Leao a Tonali, il suo Milan è una collezione di campioni sbocciati quando i più impazienti pensavano che in casa rossonera avessero puntato sul cavallo sbagliato. “De Ketelaere è un po’ giù di morale ed è normale, ma ribadisco che ha tutto quello che ci aspettavamo da lui. Deve continuare su questa strada”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA