Giacomo Raspadori

ULTIME NOTIZIE ROMA NAPOLI RASPADORI – C’è un dato eclatante che pone Giacomo Raspadori oggi davanti persino a un mostro come Erling Haaland che ha segnato 5 gol in Champions, uno ogni 41 minuti. Giacomo al suo esordio ha fatto ancora meglio, realizzando 4 reti ma in sole tre presenze e 127’ alla media di un centro ogni 32’. Davvero un dato eccezionale, anche se confrontato ai nostri grandi big del passato.

Come riferisce La Gazzetta dello Sport, Jack sta metabolizzando in fretta il modo di stare in campo con Spalletti e anche quello dello star fuori. Perché a Glasgow ha segnato partendo dalla panchina. E sa che con compagni forti e competitivi come Osimhen e Simeone, ti può essere chiesto un impegno in corsa e mirato a ben precisi compiti tattici.

Rispetto a Osimhen che cerca sempre la profondità, Raspadori sa venire incontro per prendere il pallone e coi suoi movimenti “attira” i marcatori cercando di creare il buco centrale per l’inserimento di Zielinski, Kvaratskhelia o altri compagni. Ma non sarà semplice “aprire” l’ermetica difesa di Mourinho e Spalletti, che col collega portoghese insegue il primo successo dopo sei sfide senza, sta studiando movimenti e situazioni diverse. Bisognerà vedere nella strategia del tecnico di Certaldo se sarà più importante partire con Osimhen e i suoi “strappi” in velocità, o invece cercare più i triangoli veloci dalla metà campo in su nei quali Raspadori con Lobotka e gli altri compagni hanno dimostrato di essere abilissimi per trovare spazi lì dove sembrano non esserci. Muovendo il pallone con grande velocità.

Per questo oggi Giacomo sta diventando un attaccante completo, capace di occupare diverse posizioni e adattarsi come un camaleonte alle situazioni che si creano in campo. Intelligenza, capacità di lettura, rapidità e grande tecnica. Il Napoli non poteva sostituire in maniera migliore un giocatore della classe di Dries Mertens.

© RIPRODUZIONE RISERVATA